Bando dell’OCM: sostegno alle aziende vinicole per la Regione Emilia Romagna

Arriva dalla Comunità Europea lo strumento finanziario delle Organizzazioni comuni di mercato (OCM) al fine di sostenere il settore e le aziende vinicole. Le diverse Regioni possono applicare i regolamenti comunitari a seconda delle specifiche esigenze del territorio usufruendo dei fondi dell’OCM vino disponibili.

La Regione Emilia Romagna, con Delibera Num. 922 del 18/06/2018, mette a disposizione 5,4 milioni di euro da destinare all’innovazione e al rinnovamento delle aziende vinicole del suo territorio con un bando. I fondi permetteranno di investire nell’ammodernamento delle strutture e attrezzature della cantina garantendo una maggiore qualità del prodotto.

Le domande vanno presentate entro il 13 settembre 2018, per usufruire dei contributi in conto capitale fino al 40% delle spese per la realizzazione di progetti del settore vitivinicolo nel corso del 2019.

Le modalità di presentazione delle domande ai fondi dell’OCM vino sono definite dall’Agenzia regionale per i pagamenti in agricoltura (AGREA).

Possono accedere ai contributi le aziende vinicole che svolgono attività di produzione e commercializzazione di vino e mosto d’uva. Vengono escluse dalla partecipazione le imprese che effettuano la sola commercializzazione dei prodotti e che quindi non sono impegnate dal lato della produzione.

Il budget disponibile è suddiviso in due tranche:

  • 40% delle risorse è destinato a finanziare i progetti di investimento presentati da aziende vinicole che producono vino con le proprie uve e lo vendono direttamente;
  • 60% è invece riservato alle aziende agroindustriali che commercializzano il vino prodotto da materia prima in prevalenza acquistata da terzi o conferita da soci.

Sono due le graduatorie finali che verranno predisposte per l’assegnazione dei fondi.

La priorità di accesso ai fondi dell’OCM vino saranno date a quelle aziende vinicole impegnate nella produzione del biologico, alle etichette D.O.P. o I.G.P.  in caso di punteggio paritario la precedenza verrà data alle aziende con maggiori livelli produttivi e dimensioni dell’investimento.

Gli investimenti ammissibili ai fondi dell’OCM vino variano dai 40 mila euro fino ad un milione di euro. Le micro, piccole e medie imprese possono accedere ad una percentuale di contributo pari al 40% delle spese ammissibili, le aziende vinicole fino a 750 dipendenti e fatturato annuo inferiore ai 200 milioni di euro hanno diritto ad una percentuale di aiuto del 20% mentre le imprese più grandi al 19%.

Questi fondi andranno a supporto di un settore che ha un ruolo significativo dell’export regionale, che nel 2017 ha superato i 320 milioni di euro (+ 10,7% rispetto al 2016).

NEWS CORRELATE

Elicicoltura: Il business dell’allevamento delle lumache

Sempre di più si sente parlare dell’allevamento delle lumache o chiocciole, detto anche elicicoltura. Intorno a questo settore sta nascendo un forte interesse generato soprattutto dalla crescente domanda di mercato. L’evoluzione dell’elicicoltura in Italia e nel mondo In Italia l’elicicoltura ha visto una crescita esponenziale sia nei consumi sia nelle superfici impiegate per l’allevamento. Il … Continua

Regione Lombardia stanzia contributi a fondo perduto per l’agricoltura

La Regione Lombardia mette a disposizione € 2.958.966 per progetti di ricerca in campo agricolo e forestale a sostegno del settore agricoltura. La Regione Lombardia vuole sostenere ed incoraggiare la promozione dei processi di innovazione e la creazione di partnership tra i diversi attori della filiera. La richiesta di partecipazione può essere presentata singolarmente o … Continua

Gruppo Banca IFIS: Il CDA approva i risultati preliminari 2018

Il Consiglio di Amministrazione di Banca IFIS, riunitosi oggi sotto la presidenza di Sebastien Egon Fürstenberg, ha approvato i risultati preliminari relativi all’esercizio 2018. Il 7 marzo 2019 verrà approvato il progetto di bilancio 2018. «Nel 2018 Banca IFIS ha continuato a crescere in tutti i segmenti di business grazie all’eccellente lavoro di tutto il … Continua

Agricoltura in Fiera: fiere ed esposizioni di febbraio

  Anche a febbraio la rubrica Agricoltura in Fiera raccoglie le principali fiere ed esposizioni legate al mondo dell’agricoltura e dell’allevamento. In diverse città italiane questo mese si svolgeranno eventi dedicati all’informazione, l’aggiornamento e l’incontro tra addetti ai lavori e appassionati del settore.       Di seguito le fiere di febbraio:     Nome Filiere … Continua

Agricoltura in Fiera: fiere ed esposizioni di gennaio

  Con il nuovo anno riparte la rubrica Agricoltura in Fiera. Quali sono gli eventi a cui non mancare in questo mese di gennaio? Diverse città italiane, infatti, questo mese accoglieranno fiere ed esposizioni dedicate al settore agricole e dell’allevamento e che, come di consueto, richiameranno molti addetti ai lavori e appassionati del settore.     … Continua

Crescono le aziende agricole under 35

Sono ben 55 mila le aziende agricole italiane guidate da giovani under 35 e rappresentano il 10% delle imprese del settore agricolo.  Negi ultimi 3 anni queste aziende sono cresciute del 14% mostrando il forte interesse dei giovani nei confronti dell’agricoltura, questo è quanto emerge dall’Osservatorio “Giovani agricoltori” di Nomisma. I segnali di questo ritorno … Continua

Agrifuture, Banca IFIS e Fondazione Minoprio disegnano il futuro sostenibile dell’Agricoltura made in Italy

Con una produzione di 54,7 miliardi e un valore aggiunto di 31,5 miliardi, l’Agricoltura è una delle punte di diamante del made in Italy perché fornisce materie prime d’eccellenza a una filiera, quella Agroalimentare, dove l’Italia è leader per qualità produttiva. Abbiamo il cibo e i brand più ricercati del pianeta, siamo primi al mondo … Continua

Banca IFIS: margini e clienti in crescita nei primi 9 mesi del 2018

«In questi nove mesi Banca IFIS ha continuato a crescere e ad assicurare supporto all’economia del Paese, anche in un clima macro in progressivo deterioramento», spiega Giovanni Bossi, Amministratore Delegato di Banca IFIS. «Ci presentiamo ai mercati con un solido assetto patrimoniale e finanziario. La Banca detiene una quantità modesta di titoli di Stato, tra … Continua