Come si automatizza la stalla?

Il grande balzo tecnologico degli ultimi anni ha coinvolto tutti i settori produttivi, compreso quello dell’agricoltura e dell’allevamento. Durante l’ultima edizione di Fieragricola si è registrato un picco di richieste per i robot di mungitura e tutti gli strumenti di automazione della stalla. L’aggiornamento tecnologico sarà possibile solo con importanti investimenti che richiederanno finanziamenti dedicati per le aziende agricole.

È cambiata la morfologia delle imprese agricole negli ultimi 10 anni.

Secondo quanto riportato da Nomisma nello studio “Agricoltura 2007-2017”, in occasione dell’ultima edizione di Fieragricola, negli ultimi 10 anni il numero delle aziende agricole è diminuito di 180mila unità, corrispondente a circa il 20% del totale imprese agricole.

Gli anni della crisi, come è successo in tutti i settori, hanno eliminato le aziende con maggiori difficoltà selezionando principalmente quelle in buona salute. Si può vedere ad oggi infatti una produttività per addetto pari a 36.000€ (il 50% superiore rispetto alla media europea), una crescita della produzione media per azienda dell’88% e della superfice media del +58%.

Per le imprese “sopravvissute” rimangono ancora grandi sfide da affrontare, la competitività rimane il nodo cruciale che è possibile affrontare grazie anche agli investimenti in tecnologie avanzate che richiedono finanziamenti dedicati per le aziende agricole.

Quali sono i vantaggi delle tecnologiche per la “Stalla 4.0”?

Gli imprenditori agricoli devono tenere il passo con il rapido incremento demografico e con l’esigenza di produrre cibo a prezzi sempre più competitivi. Tutto questo sarà possibile solo con finanziamenti alle imprese agricole.

In campo zootecnico gli investimenti in tecnologia portano ad una riduzione dei costi di produzione, ad un maggior benessere dell’animale e ad un aumento della produttività. Gli investimenti in robot di mungitura, macchine spingi foraggio, o i collari per il monitoraggio della salute animale saranno tra le principali richieste di finanziamenti per le aziende agricole.

Cosa sono i robot di mungitura e come trasformano la stalla in “Stalla 4.0”?

Tra le attrezzature da stalla utilizzate nell’ottica di migliorare il benessere animale e contestualmente favorire un allevamento moderno, vi sono numerose soluzioni tra cui i robot di mungitura. Ultimamente i robot di mungitura sono sempre più diffusi.

Vediamo di seguito perché

  • Il robot di mungitura può essere utilizzata anche nelle stalle di piccole dimensioni e consentire al proprietario di gestire in autonomia la mungitura senza dover affrontare i costi di personale
  • La crescente evoluzione tecnologica dei robot hanno permesso ai robot di mungitura di garantire performance crescenti
  • I robot di mungitura sono anche in grado di facilitare le due mungiture giornaliere e la loro alimentazione evitando di ipernutrire gli animali garantendo un risparmio nei costi e agevolando il benessere animale

Come possono affrontare questi cambiamenti le aziende agricole?

Per poter essere competitivi con tempi di produzione sempre più veloci e contesti innovativi, la soluzione potrebbe essere quella dei finanziamenti per le imprese agricole.

Reperire la liquidità necessaria è uno dei grandi problemi che si trovano a fronteggiare le imprese. Partner attenti in grado di fornire finanziamenti dedicati per le imprese agricole potrebbero essere la chiave di lettura corretta per confrontarsi in ambienti in continua evoluzione e crescere.

NEWS CORRELATE

Elicicoltura: Il business dell’allevamento delle lumache

Sempre di più si sente parlare dell’allevamento delle lumache o chiocciole, detto anche elicicoltura. Intorno a questo settore sta nascendo un forte interesse generato soprattutto dalla crescente domanda di mercato. L’evoluzione dell’elicicoltura in Italia e nel mondo In Italia l’elicicoltura ha visto una crescita esponenziale sia nei consumi sia nelle superfici impiegate per l’allevamento. Il … Continua

Regione Lombardia stanzia contributi a fondo perduto per l’agricoltura

La Regione Lombardia mette a disposizione € 2.958.966 per progetti di ricerca in campo agricolo e forestale a sostegno del settore agricoltura. La Regione Lombardia vuole sostenere ed incoraggiare la promozione dei processi di innovazione e la creazione di partnership tra i diversi attori della filiera. La richiesta di partecipazione può essere presentata singolarmente o … Continua

Bando dell’OCM: sostegno alle aziende vinicole per la Regione Emilia Romagna

Arriva dalla Comunità Europea lo strumento finanziario delle Organizzazioni comuni di mercato (OCM) al fine di sostenere il settore e le aziende vinicole. Le diverse Regioni possono applicare i regolamenti comunitari a seconda delle specifiche esigenze del territorio usufruendo dei fondi dell’OCM vino disponibili. La Regione Emilia Romagna, con Delibera Num. 922 del 18/06/2018, mette … Continua

Leasing macchine agricole: perché sceglierlo?

Chi l’ha detto che agricoltura e innovazione non possono andare a braccetto? Una risposta efficace per chi intende rinnovare il parco di macchine agricole viene da Credito Agricolo, il settore di Banca IFIS Impresa dedicato all’agricoltura, ed è rappresentato dal leasing. Leasing per acquistare macchine agricole: cos’è? Quando si parla di leasing ci si riferisce … Continua

Credito Agricolo e Tenute Piccini insieme per la crescita della filiera vitivinicola in Italia

Il 19 giugno 2018 è stata annunciata la sigla della convenzione con Tenute Piccini, nell’incantevole sede di questa storica azienda del territorio toscano, che da quattro generazioni produce con passione vino in sei differenti tenute. “Questa è una zona caratterizzata da produzione di alta qualità e a noi interessa la promozione di questo territorio anche attraverso … Continua

Macfrut, la vetrina internazionale dell’ortofrutta

Macfrut è la fiera internazionale del settore ortofrutticolo italiano che avrà luogo a Rimini Fiere dal 9 al 11 maggio. Rappresenta un settore in continua crescita che nel mercato italiano e internazionale è molto importante: si pensi al valore dell’export di questo settore che tocca i 5,1 miliardi di euro del 2017 (+ 2,5% rispetto … Continua