Agroalimentare italiano: crescono le esportazioni

Il settore agroalimentare è stato fortemente altalenante nel corso degli ultimi 10 anni: dal 2007 al 2010 il reddito delle imprese agricole si è ridotto del 23%, crescendo dell’84% nei tre anni successivi. Tuttavia, già fra il 2013 e il 2016 è tornato a ridursi (-26%), sottolineando le difficoltà dell’intero settore.*

Sicuramente l’oscillazione dell’industria agroalimentare è legata all’andamento dei prezzi di cessione e alla riduzione del valore della produzione, entrambi in flessione negativa fra il 2013 e il 2015.

Per far fronte alle difficoltà interne, l’intero settore si è quindi rivolto all’estero, cercando di colmare le perdite locali esportando nel resto del Mondo.

Il ricorso all’export di prodotti agricoli e agroalimentari ha sicuramente fatto registrare risultati positivi, raggiungendo i 38,3 miliardi nel 2016.*

Le performance italiane hanno raggiunto risultati sopra la media in confronto ai competitor europei e la produzione delle aziende agricole italiane è aumentata notevolmente.

In termini di valore della produzione il panorama europeo si è caratterizzato come segue**:

  • Francia 70,2 miliardi di euro
  • Italia 52,9 miliardi di euro
  • Germania 51,2 miliardi di euro
  • Spagna 46,8 miliardi di euro

Tali risultati sono estremamente positivi, soprattutto se si considerano le problematiche legate al sistema produttivo del nostro Paese:

  • SAU (Superficie Agricola Utilizzata) inferiore del 25% a quella della Germania, quasi metà di quella della Spagna, 45% di quella della Francia;
  • dimensione media aziendale pari alla metà di quella della Spagna e circa un quinto di quella di Francia e Germania;
  • 38% di imprenditori agricoli di età superiore ai 65 anni, contro il 30% della Spagna, il 13% della Francia, il 5% della Germania**

La produzione dell’industria agroalimentare ha continuato la sua crescita nel corso del 2017, con un aumento del 4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. (COLDIRETTI – L’industria Agroalimentare traina la crescita).

Tale indicatore è molto importante, in quanto il settore alimentare occupa il secondo posto delle spesa degli italiani, e sta quindi a sottolineare la ripresa economica del Paese.

Scopri i servizi di Banca IFIS Impresa per le PMI che operano in questo settore: www.bancaifisimpresa.it/contattaci.

 

*dati: Confagricoltura – Lo scenario macroeconomico dell’agricoltura italiana nell’ultimo decennio
**dati: Confagricoltura – L’agricoltura italiana a confronto con gli altri principali paesi agricoli dell’UE- Fonte CSC Agroalimentare

NEWS CORRELATE

L’anticipo PAC nel settore agricolo

L’importanza delle aziende agricole è riconosciuta dalle istituzioni ad ogni livello, ed è proprio per questo che le imprese che operano nel settore rurale sono destinatarie di agevolazioni da parte dell’Unione Europea. La Politica Agricola Comune, infatti, meglio conosciuta come PAC, mira a sostenere il reddito degli imprenditori agricoli e ad assicurare a tutti i … Continua

L’innovazione tecnologica nel settore agricoltura

Negli ultimi anni, in tutto il Mondo, sta crescendo l’interesse nei confronti dell’innovazione tecnologica nel settore dell’agricoltura, la cosiddetta agricoltura di precisione, vale a dire l’applicazione di tecniche innovative che permettono di ridurre i costi e l’impatto ambientale, coniugando redditività a sostenibilità. Secondo le stime dell’Osservatorio SmartAgrifood del Politecnico di Milano, l’innovazione in campo agricolo … Continua

Quali sono le nuove sfide per gli agricoltori italiani?

Una delle figure professionali che suscita maggiore fiducia in Italia è quella degli agricoltori (analisi Censis), particolarmente apprezzati dalla popolazione, grazie alla loro vicinanza ai bisogni ed alle aspettative dei consumatori. Il settore agro-alimentare italiano, infatti, ha registrato negli ultimi mesi una forte crescita, segno del continuo apprezzamento dei prodotti alimentari Made in Italy, sempre … Continua